Come recitare ho oponopono: la semplice via dell’amore e del perdono

Recitare ho oponopono è un salto dentro noi stessi,consente di riscoprire un nuovo equilibrio che, mette pace e armonia, e ti rende capace di accettare volontariamente quello che la tua vita ti restituisce come esperienza.

Suggerisco sempre questa tecnica: ho oponopono. 

Penso sempre che, se hai dei momenti brutti, quei giorni in cui non capisci cosa fare per stare meglio, questa procedura semplice e efficace fa al caso tuo.

In queste poche righe, ti dico come recitare ho oponopono, in modo che, tu possa, subito iniziare a praticarlo con successo.

Io amo questa forma di intervento su me stesso. Il motivo è la sua semplicità e profondità. Essa agisce sulle memorie dolorose, quelle sommerse in noi. Non devi ricordare, scavare o scontrarti con qualcosa: recitare ho oponopono pulisce, riequilibra e inonda di amore e perdono.

Il termine “recitare” non rende reale giustizia a questa tecnica e tradizione spirituale che proviene da lontano. Infatti l’origine di questa procedura, ci arriva dalla tradizione spirituale Hawaiana. 

recitare ho oponopono

Come recitare ho oponopono in pratica

Usare questa tecnica è la cosa più semplice del mondo, si tratta di pronunciare quattro parole o affermazioni, le seguenti:

  • Mi dispiace
  • Perdonami
  • Grazie
  • Ti amo

Esistono varianti di questo schema, possiamo trovarle in ordine diverso tipo:

  • Ti amo 
  • Mi dispiace
  • Perdonami 
  • Grazie

Io le uso entrambe, in tutti e due i modi, sono tutte valide per iniziare a capire come sperimentare ho’oponopono direttamente. 

Ti  consiglio di usare la sequenza che senti più logica, che scorre più “fluida” in te, secondo il tuo schema abituale di pensiero.

Teoricamente potrebbe essere lo stesso, ma personalmente quelle che mi “risuonano” maggiormente sono quelle che ho scritto sopra.

Io ti amo, e mi dispiace per quello che accade, ti chiedo perdono: e siccome il perdono giunge, grazie.

Oppure: mi dispiace, perdonami, ti amo: grazie.

Sapere come imparare a recitare ho oponopono e mettere pace al dolore stratificato del passato, come vedi è semplice, ma, a mio avviso, bisogna fare attenzione a un paio di cose.

Fattori determinanti per recitare ho oponopono.

Uno dei fattori determinanti, secondo me, perché tu possa mettere in pratica ho’oponopono, risiede nel farlo nel momento in cui la sensazione dolorosa, che può emergere verso una persona o una situazione è attiva. Questo nella mia esperienza personale è stata la condizione per assistere a veri e propri “miracoli”.

Visualizzare i volti e le persone coinvolte nel “problema” è molto importante, ma seguendo le orme di chi ha meditato con ho oponopono riuscendo a fare cose sconvolgenti ancora meglio è farlo con una foto.

Si, mi rendo conto che sa un po di stregoneria: recitare parole e guardare una foto, ma non giudicare quello che fai, fallo e basta. Il giudizio dell’intenzione non porta a nulla di buono.

Recitare le quattro parole di ho oponopono è quasi banale, ma l”effetto che ha, lo puoi comprendere solo usandole in pratica. 

Secondo me si tratta di una vera magia, che trova il suo centro nell’applicarlo per risolvere i “dissidi “ fra persone. Questo non significa comunque che tu non possa recitare ho oponopono un po per tutto.Io ho imparato a meditare con ho oponopono, nella mia pratica per l’introspezione sul “chi sono io”, in una sorta di meditazione trascendentale.

Praticamente ho usato le quattro parole chiave di oponopono come mantra, il risultato è piacevole e fluido: te lo consiglio vivamente.

Per quale motivo dovresti recitare ho oponopono?

Non voglio fare una azione di persuasione, non mi interessa, ma ti dico, se sei perplesso e scettico come lo ero io ( e ancora un po lo sono) che questa tecnica di ho oponopono funziona, rimarrai sorpreso.

Quando reciti le quattro parole di oponopono quello che accade è sviluppare un grande senso di pace e equilibrio, non è necessario farlo per molti giorni per apprezzare dei risultati. Ti consiglio è di usarlo su una persona con cui vuoi appianare divergenze o una antipatia, qualcuno verso cui provi risentimento o invidie. 

Attivare l’energia con ho oponopono è il segreto, per cui tutto accade, senza ulteriori sforzi. l’unica cosa che ti consiglio e di metterla in pratica per almeno un paio di giorni consecutivi.

Alcuni raccomandano di ripetere il mantra almeno 108 volte, dalla mia esperienza ti posso dire che quando fai una sessione di ho’oponopono ti accorgi da solo che qualcosa è cambiato: comprendi che puoi sospendere, ma se vuoi avere un riferimento e provare a recitare ho oponopono 108 volte ecco un audio regalo per te che può aiutarti.

Approfondimento: Ho’oponopono wikipedia

Ho preparato un audio per te, si tratta del mantra ho oponopono ripetuto 108 volte. In questo modo se vuoi esercitarti puoi seguirlo, anche tenendolo a basso volume e tenere il conto!

Grazie per la tua visita, spero che quello che hai letto ti sia di aiuto( io ci credo 🙂 ) Se vuoi, e ti va sarebbe gradito un tuo commento, per migliorarmi se hai qualche consiglio e per aiutarti se hai qualche dubbio nel praticare ho ho’oponopono.

Scarica audio da qui

 

2 Commenti

  1. Luigi 16 ottobre 2018
    • Naxos 16 ottobre 2018

Dai, lascia un commento!