Migliorare la propria vita imparando come si fa un blog

Creare un sito internet dove poter scrivere ed essere posizionati su Google è una bella cosa. Oggi i motori di ricerca sono sempre più evoluti, creare un blog personale di successo non è semplice. La buona notizia è che puoi imparare come si fa un blog che riesca a scalare la serp (Search engine result page)  per per vedere le tue parole chiave hai primi posti su Google o Bing.

Apprendere come fare un sito o un blog può essere un ottimo inizio. Nonostante la massiccia presenza di nuovi siti internet creare un proprio sito può essere anche una meravigliosa opportunità di lavoro.

Come si fa un blog di successo.

 

Sono sempre felice di cambiare i miei argomenti, questo sito l’ho fatto apposta. Per migliorarsi sono necessarie tante cose. Imparare a cucinare, saper cambiare l’olio alla propria auto, curare il proprio aspetto. Anche, capire, per chi è digiuno di tutto questo, come si fa un blog.

Quando parliamo di migliorarsi, e di estendere le possibilità della nostra vita, non è possibile parlare solo di meditazione o di tecniche per espandere la propria energia. Arriva un momento in cui dobbiamo collegare lo spirito alla materia. Uno degli strumenti più validi, per quanto si possa dire, per esprimere in termini di creatività, ma anche di guadagni e di contatti sociali il proprio essere è la rete.

Quindi non si può, evitare di mostrare come si fa un blog. Oggi internet è una realtà. Persone di ogni età usano la rete, i social network. Quindi, penso che sia molto utile, per chi è alle prime armi, sapere come costruire un blog personale.

Imparare come si fa un blog è banale, in primo esame, ma come ogni cosa: esistono molti modi per farlo. Questo articolo, volutamente semplice e diretto, coerente con il mio scopo, che è quello di spiegarti, come creare un blog in pochi passaggi, quando avrai imparato questo, potrai approfondire l’argomento, le fonti non mancano.

Per capire come si fa un blog non importa essere programmatori.

Molte persone, che non sono esperte di internet, pensano che per imparare come si fa un blog o un sito online o offline, necessitano particolari abilità o competenze. Sono lieto di dirti che, fortunatamente in rete non contano i titoli, esistono mezzi che possono permetterti di costruire il tuo blog senza sapere nulla di programmazione. Purtroppo, il sistema in cui viviamo, si basa sulle “esclusività” sui titoli.

Ogni cosa è divisa in specializzazioni, come se vivere e sperimentare fosse esclusiva di chi ha seguito percorsi “legittimi” e ufficiali. Su internet non è così, quello che conta, come sempre: saper fare. Personalmente conosco “smanettoni” che lavorano su siti come Freelancer, un sito in cui ci sono delle vere e proprie gare d’appalto per progetti web.

Questi ragazzi, che non hanno avuto la fortuna di poter compiere particolari studi, si sono ingegnati a capire come si fa un blog da soli. Poi approfondito l’argomento, imparando e studiando, fino a trovarsi a concorrere per aggiudicarsi un progetto, di un sito o un e-commerce come anche di una app, e avere la meglio su ingegneri informatici con titoli e lauree.

Perché impegnarsi per fare un blog?

Le motivazioni che ti spingono, oggi, su questa pagina, con lo scopo d’imparare come si fa un blog, sono personali. Vediamo se posso darti qualche spunto in più. Non sei il solo o la sola che decide di fare un suo sito,

Oggi esistono i social, come Facebook, Instagram, Twitter e altri, che consentono di creare dei profili e cercare direttamente “un pubblico” senza troppo sforzo. Quindi per certi versi, molti pensano che avere un blog personale non sia più così importante. In realtà dipende da cosa ti serve. Le persone di successo, se ci fai caso, cantanti, aziende, coach hanno sempre un loro sito privato.

I vip posseggono molti profili social, curano il loro spazio web personale. Questa certo non è una scelta casuale. È un po la differenza che corre fra lavorare da dipendente o per conto proprio. I social network ci illudono di essere liberi, di poter gestire tutto come si desidera, in realtà esiste un controllo, e molti divieti su come e cosa pubblicare.

Un sito personale può essere costruito per diversi motivi. Per avere uno spazio personale dove scrivere ed esprimere te stesso: con poesie, racconti, articoli, il tuo pensiero insomma. Puoi anche capire come si fa un blog solo per auto celebrazione: mettendoci foto personali, e mostrando le tue qualità estetiche. Non ci sono limiti in questo. Spesso, uno dei motivi che spinge a imparare l’arte del blogging è il denaro. Esiste la possibilità di trasformare il proprio blog in una fonte di guadagno.

Non pensare che sia immediato, creare un blog di successo è tutt’altro che semplice come molti fanno credere. Bisogna starci dietro, lavorare e dedicare del tempo. Come ogni cosa se ci metti passione e attenzione puoi avere buoni risultati.

Come si fa un blog: da dove iniziare?

Se desideri creare il tuo primo blog gratis, ecco alcune piattaforme che possono fare al caso tuo:

Blogger.

 

blogger piattaforma per fare blog gratis

Blogger è una importante piattaforma per creare il tuo blog, per fare blogging insomma, usata da milioni di persone in tutto il mondo. Questo progetto è targato Google. Per accedervi, devi avere o creare un account di google. Puoi scegliere il nome del tuo blog, ma l’estensione, ovvero l’indirizzo internet es: www.mioblog.it sarà www.mioblog.blogspot.com.

Considera che, il nome che puoi scegliere è vincolato fra quelli disponibili, se ti chiami Mario Rossi, scordati di trovarlo: dovrai accontentarti di quello che trovi. Avrai la possibilità di scegliere un tema, quindi l’aspetto, del sito fra quelli disponibili. Puoi scaricare temi e template disponibili in rete o a pagamento. Purtroppo, le personalizzazioni sono limitate, sei “ospite” sul server di Google, quindi, un po come per i social, devi attenerti a limitazioni e regole ben precise.

WordPress.com

WordPress è una piattaforma online, oltre che una vera e propria comunità. Il famoso CMS che in un certo senso ha rivoluzionato il mondo del web design. Accedere è semplice, risulta sufficiente iscriversi e registrare un dominio, che anche in questo caso appare così: nomemioblog.wordpress.com. Su wordpress ci sono vari temi gratuiti ed esiste la possibilità di configurare plugin per rendere più efficace il sito.

Gratuito a a pagamento, Csm o html? Questo è il dilemma.

Prima di continuare è bene fare alcune puntualizzazioni. Devi sapere che per rendere competitivo un blog, in altre parole, per fare si che venga trovato su Google, necessita di una cura particolare per l’aspetto SEO, quella “scienza” che studia il posizionamento sui motori di ricerca. In questi tempi posizionarsi su Google non è semplice, alcuni dicono che è impossibile. Non sono d’accordo, tutto dipende da una buona strategia.

Considera che i domini gratuiti si indicizzano peggio, quindi fatta la tua esperienza con i siti sopra elencati potresti considerare di acquistare un tuo servizio hosting. Quello che uso e che ti consiglio è Siteground.

Lo spazio web personale ti da molta più libertà, se il tuo interesse va oltre il fatto di imparare come si fa un blog, ti consiglio di pensarci. Su di esso puoi caricare wordpress, e ritrovare la stessa Bacheca che vedi sulla versione gratis. WordPress è comunque gratis, scarichi il pacchetto di istallazione e in poche semplici mosse hai il tuo sito.

I siti wordpress, che come abbiamo detto, sono chiamati CSM che esistono di altri tipi, ma wordpress è in assoluto quello più usato. Questo sembra essere anche il blog per eccellenza. Ma ti dico in confidenza che, anche un sito personale in html ha i suoi vantaggi.

I siti html, che a differenza dei CSM essendo in php, sono detti statici.

Il sito html è il più semplice, non c’è un database che genera i testi in base ad una richiesta al server. Html è la tecnologia con cui è fatto e anche l’estensione delle pagine es: index.html, mio-articolo.html.

Considerazioni conclusive

Il sito statico è più veloce, più sicuro per quanto riguarda attacchi di virus, e soprattutto risente meno del fatto di non essere aggiornato di continuo. Puoi trovare numerosi template html in giro, se ne vuoi uno professionale puoi vedere su Codacanyon.net, acquistabili con una manciata di dollari, ci puoi arrivare da qui.

Al contrario i CMS devono essere aggiornati di continuo, per questo si addicono molto alla realizzazione del blog. Comunque un sito personale in html funziona molto bene, l’unica difficoltà è nel gestire un sito del genere quando ci sono molte pagine, ma questa è un’altra storia.

 

 

 

 

 

 

 

 

Dai, lascia un commento!

Attrai La Tua Fortuna Economica

Scopri come attrarre la fortuna economica nella tua vita.Ebook Guida Gratis

OLTRE 4.340 DOWNLOAD! 

Grazie per la tua iscrizione, controlla la posta in arrivo e fai attenzione che il messaggio non sia nella casella SPAM, posta indesiderata o promozioni