Tabella dei Contenuti

Avere un partner non è una necessità, ma fa parte del progetto di vita di molti di noi. quello che ci frena, spesso è la paura di avere una relazione. Sebbene sia molto importante riuscire a star bene soli  per avere poi una relazione sana capita che mentiamo a noi stessi. Puoi ripeterti mentalmente “Sto molto bene da solo” come scusa per non affrontare le paure che ci impediscono di aprirci all’amore. Questo articolo spiega ( ci prova) alcune delle cose che puoi considerare quando cerchi un partner e progetti la creazione di una nuova relazione.

Le Tue Relazioni Non Sono Come Desideri?

Scopri Come Renderle Degne Di Te E Del Tuo Amore. Si, Esatto, Quello Che hai Dentro e Che Aspetta Solo Di Sbocciare
Novità Assoluta!

 

Mancanza di autostima alla base della paura di avere una relazione

Per essere in grado di stabilire una relazione sana, è essenziale che siamo i primi ad amare e prenderci cura di noi stessi. La mancanza di autostima e la paura di avere un rapporto duraturo può portarci a entrare in relazioni tossiche, spesso stabilite sulla base della dipendenza, che ci causano sofferenza o portano al fallimento.

L’autostima è quindi necessaria per poter stabilire dei limiti e paura nelle relazioni e costruire legami basati sul rispetto, la fiducia e la reciprocità.

Le relazioni del passato

Le relazioni che abbiamo avuto durante le nostre vite danno forma al modo in cui oggi vediamo l’amore e le relazioni. Creando i timori profondi come la paura di avere una relazione. Da un lato, potremmo esserci “bloccati” in una relazione passata, o perché non volevamo che finisse o perché non siamo ancora stati in grado di elaborare la sofferenza che ha causato la rottura.

E d’altra parte, può darsi che questa sofferenza ci abbia portato a chiuderci nella paura di sbagliare di nuovo e quindi avere paura di  una nuova relazione.

Per far posto a una relazione, è necessario tagliare con il passato, gestire le emozioni che hanno scatenato la rottura di quel legame e imparare dalle esperienze passate in modo da non commettere gli stessi errori.

Miti sull’amore che causano la paura di avere una relazione sana

Il concetto di amore attuale è strettamente legato all’idea di amore romantico, un amore idealizzato e carico di miti che potrebbe interferire con lo sviluppo di una coppia sana e appagante alimentando la paura di avere una relazione nuova. Per esempio:

  •  “la tua metà”: questo mito si basa sull’idea che come persone incomplete, dobbiamo trovare qualcuno che ci completerà per essere felici. La realtà è che siamo già persone piene, con l’innata capacità di raggiungere la felicità autonomamente e che nessuno, tranne noi, dovrebbe sopportare il “peso” di dover renderci felici.
  • “L’amore può fare tutto” : accettare questo mito come vero può portare a atteggiamenti intollerabili, pensando che alla fine l’altro cambierà per amore e questo porterà solo a un percorso di delusione e frustrazione. Dopo la fase biologica dell’infatuazione, è necessaria una certa compatibilità tra i membri della coppia per renderlo praticabile.
  • Mito dell’unità “1 + 1 = 1” : credere che quando due persone si incontrano, devono condividere tutto e fare tutto insieme. Questa fusione può portare alla perdita di identità e alla cancellazione personale. La realtà è che entrambi i membri condividono alcune cose, ma hanno ancora uno spazio personale per i loro hobby o i loro amici, per esempio.

Appena trovo il mio partner come faccio a sapere se sono nella relazione che desidero?

L’abbiamo sperimentato tutti: conosci una persona con cui ti senti a tuo agio, quel contatto con quella persona sta diventando più frequente, quando ricevi un messaggio il suo sorriso è disegnato sul suo viso, vedi solo le sue qualità, quando lo vedi senti un formicolio alla pancia … sembra che tutto stia fluendo. E un bel giorno ti chiedi: a cosa mi porta tutto questo? Che cosa siamo? Vuoi che io sia il tuo partner?

E una volta raggiunto questo punto, le paure ci appaiono: e se non funzionasse? Se non è innamorato /innamorata come sembra? Se poi ci ferissimo? E se non fosse uguale a me?

È difficile rispondere a queste domande, ma ci sono alcune chiavi da tenere a mente che ci aiuteranno a sapere se siamo sulla buona strada.

L’ingrediente essenziale: comunicazione

La comunicazione è un’abilità essenziale nelle coppie, quindi prima iniziamo a praticarla, più è probabile che avremo un lavoro di relazione. In questo caso particolare, esprimere la situazione in cui ci troviamo e aprirci alla visione dell’altro può aiutarci a evitare incomprensioni. oltre a iniziare a costruire le basi per una relazione sana, nel caso in cui questa è l’intenzione di entrambi.

compatibilità

Sarà anche importante per noi rivedere quali aspetti comuni e differenze abbiamo con questa persona. Potremmo apprezzare molte cose in questo momento, ma per costruire una relazione funzionale, è importante che ci sia una certa compatibilità tra i due; ad esempio in termini di valori, stile di vita e aspirazioni future. Ciò non significa che abbiamo bisogno di una persona uguale a noi, ma che possiamo condividere le cose in comune senza limitare le differenze. Prendi, ad esempio, una coppia che ama viaggiare e che ha fobie sugli aerei; queste discrepanze prima o poi possono portare a problemi nella relazione.

Se vogliamo investire in una possibile relazione, dobbiamo sapere che ci sono solidi pilastri su cui iniziare a costruirla.

Analizza le nostre motivazioni

Infine, sarà importante analizzare ciò che ci spinge ad avviare questa relazione. Perché una relazione funzioni e sia costruttiva, è importante che sia una scelta e non un modo per soddisfare un’esigenza irrisolta. Quindi dobbiamo chiederci cosa ci sta portando questa relazione, cosa vogliamo che ci porti e perché vogliamo avviarla.

Andrea Mikaudios

Andrea Mikaudios

La mia passione è la crescita e la trasformazione umana, intesa come acquisizione di metodi e strategie per ottimizzare le competenze e le capacità. Credo che i limiti, la maggior parte almeno, sono volontari e mentali, quindi trasformabili.

Leggi su di me»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *