Anonimo del web (tradotto )

Gelosia di coppia: è un’espressione d’amore?

Tutti sperimentano la gelosia ad un certo punto della vita e, sebbene le gelosie non siano completamente razionali, sono per definizione normali.

 In una coppia, la gelosia nasce quando percepiamo una terza persona come una minaccia che mette in pericolo la nostra relazione sentimentale  .

 Secondo un articolo di Freud (“Alcuni meccanismi nevrotici nella gelosia, nella paranoia e nell’omosessualità” del 1921) la gelosia è composta da:

 Tristezza, il dolore causato dal pensiero che stai perdendo qualcuno che ami.

La dolorosa consapevolezza che non possiamo avere tutto ciò che vogliamo, anche quando lo vogliamo più intensamente e meritiamo di averlo.

Sentimenti di inimicizia contro il rivale di successo.

Una dose maggiore o minore di autocritica che ci fa sentire responsabili della nostra perdita.

Anche se non tutta la gelosia dovrebbe essere oggetto di dibattito, se la preoccupazione per una possibile perdita diventa più forte, è tempo di parlarne.

Le persone gelose spesso non riconoscono di avere un problema e incolpano l’altro partner per il loro atteggiamento.

econdo uno studio del Centro di ricerca sociologica (CIS) commissionato dal Ministero della Salute, il 33% dei giovani spagnoli tra i 15 ei 29 anni, cioè uno su tre, ritiene inevitabile o accettabile in alcune circostanze il controllo degli orari dei loro partner, impedendogli di vedere le loro famiglie o amici, non permettendo loro di lavorare o studiare o di dire loro cosa possono o non possono fare e il 73,3% degli adolescenti ha sentito una persona anziana vicino a loro dire che “la gelosia è un’espressione d’amore ”.

 

La gelosia può trasformare un partner felice in una relazione tossica.

Sebbene alcune manifestazioni specifiche di gelosia nella coppia siano naturali, commenti negativi o commenti che superano determinati limiti non dovrebbero mai essere accettati come tollerabili. (In quei casi in cui la persona gelosa entra in un circolo vizioso ossessivo e influenza direttamente l’altra persona) Niente in una relazione giustifica il danno arrecato all’altro , perché questo è l’ antagonista dell’amore. 

Quando la gelosia non è più accettabile?

Quando non c’è una causa reale o giustificata.

Quando c’è disagio psicologico o intenso dolore emotivo (rabbia, tristezza, angoscia, aggressività).

Nei casi in cui interferisce con la vita della persona (partner, lavoro, amici)

Se ci sono comportamenti di controllo (interrogare il partner su dove sono stati o con chi, guardare il proprio cellulare, ecc.)

Quando il geloso o geloso fa stare il loro partner con loro e non vogliono che abbiano una relazione troppo intima con nessun altro.

Quando quella gelosia è accompagnata da intensi sentimenti di insicurezza, autocommiserazione, ostilità o depressione e produce una diminuzione della qualità della vita dei membri della relazione.

 

 

Prima o poi questa gelosia infondata o eccessiva può distruggere la relazione o, quel che è peggio, trasformare l’amore in una storia dell’orrore.

 

Quando la persona si identifica come un individuo geloso o vittima di una presunta coppia gelosa, dovrebbe cercare un aiuto professionale e consultare uno psicoterapeuta per aiutarla a uscire da quello stato affettivo che distrugge la sua capacità di essere felice e avere una relazione sana. .